Dragons – Il dono del drago

Dragons. Il dono del drago (Dragons: Gift of the Night Fury) è un cortometraggio d’animazione del 2011 diretto da Tom Owens, sequel di Dragon Trainer, e tratto dalla serie di libri “How to Train Your Dragon” di Cressida Cowell.

Trama

Nel villaggio di Berk fervono i preparativi per l’annuale festa vichinga dello Snoggletog, e quest’anno c’è più entusiasmo del solito, poiché finalmente la guerra è finita e ognuno potrà festeggiare con il proprio drago. Una mattina però, mentre Hiccup e Sdentato sono in volo, inspiegabilmente tutti i draghi volano via, lasciando gli abitanti di Berk tristi e sgomenti, e nella confusione Hic perde il suo elmo. L’unico drago ad essere rimasto è proprio Sdentato, che a causa della sua menomazione alla coda non è in grado di volare da solo. Per quanto sia felice di non aver perso il suo amico drago, Hic non sopporta l’idea che Sdentato non sia libero di andare dove vuole come tutti gli altri, così decide di fargli un dono: gli costruisce una nuova coda con la quale sarà in grado di volare autonomamente, anche se questo significa correre il rischio che anche Sdentato se ne vada. E in effetti è proprio ciò che succede: non appena Hic gli mette la nuova coda il drago vola via e sparisce.
Passano tre giorni senza che i draghi si rifacciano vivi, e Hic e i suoi amici sono sempre più tristi, come del resto tutti gli abitanti del villaggio; l’unico ad essere stranamente allegro è Gambedipesce. Insospettito, Hic lo segue di nascosto e così scopre che tiene il suo gronkio, Muscolone, legato ad un palo. Il drago riesce a liberarsi dalla catena e vola via, e nell’impeto trascina con sé anche Hic. I due giungono ad un’isola sconosciuta, dove il mistero viene finalmente svelato: i draghi sono andati lì per riprodursi. Così Hic ritrova i draghi dei suoi amici, tra cui Zannacurva e Tempestosa (i draghi di Moccicoso e di Astrid) con i loro piccoli. L’unico che manca all’appello è però proprio Sdentato.
Nel frattempo Astrid, Moccicoso e i due gemelli scoprono che Muscolone, che in realtà è una femmina, ha deposto delle uova, così decidono di portarle in dono nelle case del villaggio, per rallegrare un po’ la gente. Non sanno però che le uova schiudendosi esplodono. Così poco dopo, quando le uova cominciano ad esplodere dando alla luce dei piccoli di Gronkio, diverse case prendono fuoco. Mentre gli abitanti di Berk si radunano esasperati dalla piega che hanno preso gli avvenimenti, una sorpresa arriva dal cielo: è Hic, che riporta indietro i draghi con i loro cuccioli. In un tripudio generale iniziano i festeggiamenti, e tutti possono riabbracciare i propri draghi; tutti tranne Hic, che purtroppo non ha ritrovato il suo. Astrid lo ringrazia per quello che ha fatto e gli dà un bacio, poi cerca di consolarlo, ma proprio in quel momento Sdentato ritorna stringendo in bocca l’elmetto che Hic aveva perso: il drago era stato via tutto quel tempo per cercarlo. Hic, felicissimo, ringrazia il suo drago con un grandissimo abbraccio.
Il mattino dopo, Sdentato fa un dono a Hic: rompe la sua nuova coda, per dimostrargli che vuole volare soltanto assieme a lui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...